lunedì 25 maggio 2009

"Addio alla verità": presentazione a Torre Pellice, martedì 26 maggio

Martedì 26 maggio, ore 21
Libreria Claudiana di Torre Pellice Piazza Libertà 7

GIANNI VATTIMO presenta ADDIO ALLA VERITÀ (Ed. Meltemi, 2009)
Partecipa: Mario Cedrini, Università del Piemonte Orientale

Il tramonto della verità è la rappresentazione più fedele della cultura contemporanea: questo vale, secondo Gianni Vattimo, non solo per la filosofia, la religione e la politica, ma anche e soprattutto per l’esperienza quotidiana di ognuno di noi. La cultura delle società occidentali è – di fatto, anche se spesso non di diritto – sempre più pluralista. I media mentono, l’informazione e la comunicazione sono un gioco di interpretazioni e ai politici si consentono molte violazioni dell’etica, e dunque anche del dovere di verità, senza che nessuno si scandalizzi. Tuttavia, la nostra società “pluralista”, come mostrano ogni giorno le discussioni politiche, continua a credere alla “metafisica” idea di verità come obiettiva corrispondenza ai fatti e si illude di creare l’accordo sulla base dei “dati di fatto”. Prendendo radicalmente le distanze da tutte le pretese di fondare la politica su un sapere scientifico, fosse pure quello dell’economia e della tecnica, Gianni Vattimo sostiene che il solo orizzonte di verità che oggi la politica e la filosofia hanno il compito di cogliere, esplicitare e costruire consiste nelle condizioni epistemologiche del dialogo sociale e interculturale. Il tema della verità va dunque ricondotto a una questione di condivisione sociale e gli intellettuali sono chiamati a pensare forme di vita più comprensibili, condivise e partecipate. L’addio alla verità è dunque l’inizio, e la base stessa, della democrazia. Prendere atto che il consenso sulle singole scelte è anzitutto un problema di interpretazione collettiva, di costruzione di paradigmi condivisi o almeno esplicitamente riconosciuti, è la sfida della verità nel mondo del pluralismo postmoderno. Perché la verità non si “incontra”, ma si costruisce con il consenso e il rispetto della libertà di ciascuno e delle diverse comunità che convivono, senza confondersi, in una società libera.


Gianni Vattimo ha insegnato Filosofia Teoretica presso l’Università di Torino – dove è stato anche Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia – dal 1964 al 2008. Visiting professor in varie università americane, ha tenuto seminari e conferenze in atenei di tutto il mondo. Dopo aver diretto per molti anni la «Rivista di Estetica», collabora oggi con diversi quotidiani e riviste italiane e straniere. Dal 1999 al 2004 è stato deputato al Parlamento di Strasburgo. I suoi libri sono stati tradotti in moltissime lingue. La Meltemi sta pubblicando le sue Opere complete.

1 commento:

Ricardo Milla ha detto...

Vado leggere :)